Un’autentica bugia. La fotografia, il vero, il falso

Questo libro ha due bersagli polemici: gli apologeti della “rivoluzione digitale”, i nostalgici dell'”immacolata percezione”.

Talvolta sono le stesse persone.

La fotografia ha sempre “mentito” perché non può fare altro, perché il processo di trasposizione della realtà in un’immagine bidimensionale glielo impone, perché la sua fabbricazione richiede una lunga catena di scelte, ognuna delle quali ne modifica la trama e il senso.

L’era di Photoshop mette solo alla portata di tutti, e rende evidente, quel che la fotografia ha sempre saputo fare: deformare la realtà. Consapevolmente o involontariamente.

Il libro percorre avanti e indietro la storia della fotografia (quella analogica e quella numerica) per raccontare, attraverso centinaia di esempi che compongono un vero e proprio “manuale di autodifesa” del consumatore di immagini, quando, dove, come e perché la fotografia ha sempre “mentito”; e quanto, come e perché la società le ha creduto.

Per continuare a credere alla capacità testimoniale di questo linguaggio occorre non essere ingenui e stringere con la fotografia un nuovo “patto di veridicità condizionata” che la liberi dalla doppia condanna della dannazione o della santificazione.

  • Copertina flessibile: 319 pagine
  • Editore: Contrasto (30 aprile 2009)
  • Collana: Logos
  • Lingua: Italiano
  • Acquisto: https://amzn.to/32cBOR7

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.